Nanga Parbat: ritrovato il corpo di Gunther Messner

Sul Nanga Parbat è stato ritrovato il corpo di Guenther Messner scomparso 35 anni fa.

Roma, 17 ago. (Ap) – Dopo 35 anni è stato ritrovato sul Nanga Parbat il corpo di Guenther Messner, fratello del più famoso Reinhold. E’ stato lo stesso alpinista altoatesino a riconoscere gli scarponi e la giacca indossati dal fratello, allora 23enne. Lo riferisce il portavoce di Messner, Naeem Khan, da Islamabad, scrive la Welt online.

Guenther Messner morì nel 1970 durante l’ascensione al Nanga Parbat (8.125 metri), una delle 14 vette oltre gli 8.000 metri nell’Himalaya. Sulla sua morte si sollevarono asprissime polemiche tra Reinhold e gli altri componenti della spedizione, che lo accusarono di aver abbandonato il fratello durante la salita per riservarsi da solo il merito dell’impresa. Messner invece aveva sempre sostenuto di essere arrivato in vetta col fratello e di averne perse le tracce durante la discesa, a causa
di una slavina, sul versante opposto della montagna. Il ritrovamento conferma definitivamente la versione dell’alpinista altoatestino, primo alpinista al mondo ad aver salito tutti e 14 gli ottomila.

Già due anni fa un osso ritrovato ai piedi della montagna era stato analizzato dall’università di Innsbruck e i ricercatori avevano stabilito con quasi assoluta certezza con le analisi del Dna che si trattava di un osso di Guenther.

Francesca Colesanti

Nanga Parbat (8125 metri)
Posizione: Himalaya, Kashmir – Pakistan
Primi salitori: l’austriaco Hermann Buhl il 3 luglio 1953 (spedizione austro-tedesca, capo spedizione Herrligkoffer) 3^ montagna oltre gli ottomila metri scalata dall’uomo.

Reinhold Messner (ph V. Stefanello) Reinhold Messner e il ritovamento del corpo del fratello Guenther – 2004

Click Here: Putters

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *